Storia

I francobolli che hanno aiutato a creare un mondo migliore

Scritto da Tom | 7 maggio 2021


Per oltre 100 anni, i francobolli sono stati parte integrante delle comunicazioni mondiali. La funzione primaria dei francobolli era quella di segnare il pagamento dell’affrancatura, ma la filatelia – cioè lo studio e la raccolta di francobolli – ha portato alla luce alcune delle storie meno conosciute sui francobolli. Una di queste storie non celebrate riguardo il lato umanitario dei francobolli e il loro ruolo nel sostenere le cause benefiche. Infatti, questi francobolli – conosciuti principalmente come semi-postali – sono stati al nostro fianco durante i disastri e i conflitti, raccogliendo fondi e sostegno quando ne avevamo più bisogno. Atanasio Soriano, del nostro team di filatelia, rivela le molte occasioni in cui i francobolli hanno contribuito a salvare il mondo. 



Paragonato alle tante persone celebrate nel corso della storia, il ruolo della posta non sembra ovviamente eroico. Tuttavia, le lettere (e i francobolli che ne permettevano il movimento) hanno giocato un ruolo silenzioso ma essenziale in alcuni momenti significativi della storia.



Una serie di francobolli del Belgio del 1915 raffiguranti il re Alberto I che furono sovrastampati a beneficio della Croce Rossa nel 1918.

"Dalla scoperta dell’America alle recenti elezioni politiche mondiali, il servizio postale – e dal 1840 i francobolli – è stato il portavoce dell’evoluzione umana moderna» dice Atanasio. «La posta è stata trasportata a piedi, in auto, in carrozza, in aereo, in razzo, in mongolfiera, in elicottero, in zeppelin, in navetta spaziale e persino sulla groppa degli asini. Indipendentemente dal mezzo utilizzato, nessun governo o individuo è stato in grado di fermare la diffusione di notizie, speranza e sostegno che la posta rappresenta». 


Francobolli semi-postali e di beneficenza


La potenza delle lettere è evidente, ma i francobolli in particolare hanno dimostrato di avere un ruolo significativo anche negli eventi mondiali. Più che un mezzo per spedire una lettera e un bell’accessorio, sono stati cruciali nel mobilitare supporto e aumentare la consapevolezza intorno a devastanti conflitti umanitari, pandemie e disastri naturali. 


La filatelia ha dedicato del tempo allo studio di questo fenomeno dei francobolli semi-postali e dei francobolli di beneficenza. I francobolli semi-postali sono esemplari emessi appositamente con una leggera sovrattassa, in modo che una parte del loro prezzo possa essere utilizzata per raccogliere fondi da destinare a cause benefiche. I francobolli di beneficenza, invece, devolvono la totalità del denaro raccolto in beneficenza. 



I francobolli svizzeri semi-postali con sovrattassa per la Fondazione Pro Juventute (sostegno alla gioventù svizzera) sono stati emessi nel dicembre di quasi tutti gli anni dal 1912.

«I francobolli sono piccoli pezzi d’arte nonché capsule del tempo in miniatura. Non c’è un evento storico o un personaggio rilevante immaginabile che non sia stato d’ispirazione per un francobollo da qualche parte negli ultimi 180 anni. E questo include anche crisi e disastri.» 


Conflitti in tempo di guerra


I primi francobolli semi-postali sono stati emessi nel 1890 per commemorare la riforma del servizio postale del Regno Unito – e quindi finanziare il servizio postale e i suoi lavoratori – ma uno dei primi esempi di ruolo umanitario dei francobolli è avvenuto durante la prima guerra mondiale. 


Durante la Grande Guerra, circa 200.000 bambini avevano perso i loro padri o genitori in Francia, con un numero molto maggiore nel resto del mondo. Alla luce di questa perdita senza precedenti, il servizio postale francese ha guidato una risposta per raccogliere fondi per i molti bambini rimasti orfani durante la guerra.



La serie di francobolli per gli orfani di guerra del 1917/1918

«Alcuni dei gruppi sociali più colpiti sono i bambini, che sono diventati l’obiettivo di molte serie di francobolli dopo la prima guerra mondiale; una guerra che ha reso orfani circa sei milioni di bambini» dice Atanasio. «Durante il 1917 e il 1918, il servizio postale francese ha emesso una serie di otto francobolli per raccogliere fondi per i bambini rimasti orfani a causa della guerra mondiale. I fondi raccolti hanno portato alla costruzione di molti orfanotrofi e permesso di assumere insegnanti, custodi, cuochi, infermieri e medici per dare a questi bambini una seconda possibilità di vita». 


I francobolli del servizio postale francese non sono stati necessariamente il primo esempio di emissione di francobolli di guerra, ma hanno contribuito a creare un precedente nel tipo di impatto e di successo che tali sforzi potevano ottenere. «Aiutare le vittime di guerra è stato probabilmente l’obiettivo principale dei francobolli semi-postali di tutto il mondo. La serie di francobolli “orfani di guerra" è un esempio iconico e di conseguenza ricercato dai collezionisti, sia per il design che per la rarità.»


Catastrofi naturali


Oltre ai tempi di guerra, i francobolli hanno sostenuto le comunità locali anche in tempi di disastri naturali. «Soprattutto dopo un disastro naturale, le città e le regioni sono state al centro dell’attenzione nelle emissioni di francobolli» dice Atanasio. «È stato un modo per aumentare rapidamente la consapevolezza e garantire che le situazioni potessero ricevere il sostegno di cui avevano bisogno». 


Un esempio è stata l’inondazione di Valencia del 1957. «Il 14 ottobre 1957 si era verificata una terribile inondazione a Valencia, in Spagna, provocando la morte di almeno 81 persone e causando gravi danni in tutta la regione. Così, tra il 1963 e il 1985, sono stati emessi fino a 11 francobolli dalle poste spagnole per finanziare la creazione di un nuovo e più sicuro modo di instradare il fiume Turia ed evitare simili inondazioni in futuro».


 Questo raro blocco di francobolli di beneficenza spagnoli del 1939 è una delle serie più ricercate della filatelia spagnola


Al giorno d’oggi, i servizi postali hanno adottato questa tattica regolarmente per aiutare a combattere i disastri naturali. Più recentemente, l’Australia Post ha rilasciato la sua serie Disaster Relief nel 2020: una serie di cinque francobolli adornati con immagini di canguri, volontari e alberi, per aiutare a sostenere le comunità e gli habitat devastati dagli incendi boschivi che hanno afflitto il paese. 


Pandemie e malattie


Forse il più pertinente è il contributo dei francobolli in seguito a crisi sanitarie. Probabilmente la campagna di francobolli di beneficenza di maggior successo è il francobollo per la ricerca sul cancro al seno negli Stati Uniti, emesso nel 1997, al quale si attribuisce il merito di aver inaugurato una cultura del consumo più coscienziosa. In Europa, tuttavia, i paesi hanno impiegato i francobolli di fronte ad alcune delle malattie più letali del XX e XXI secolo, tra cui la tubercolosi e più recentemente covid-19. 


«Nel contesto della situazione pandemica che tutto il pianeta sta vivendo in questo momento, è impossibile non fare riferimento alle numerose emissioni di francobolli che si propongono di aiutare le persone che soffrono di malattie diffuse in tutto il mondo» dice Atanasio. 


«Tra le malattie che sono state il tema centrale dei francobolli, quelli pro-tubercolosi sono forse i più influenti. Si trattava di un argomento di primo piano all’inizio del XX secolo e la maggior parte dei servizi postali nazionali rilasciavano vari tipi di francobolli di beneficenza per aiutare la lotta contro la tubercolosi. Con la Croce di Lorena come simbolo distintivo, questi francobolli sono rappresentati a livello internazionale e sono stati in grado di raccogliere fondi per costruire ospedali e sanatori in tutto il mondo: sia per coloro che si stavano riprendendo dalla tubercolosi che per la ricerca relativa a questa malattia». 



Questi francobolli sono stati emessi nel 1933 per raccogliere fondi nella lotta contro la tubercolosi in Belgio


I francobolli sono notevoli nella loro resilienza e capacità di resistere. Oggi sono ancora ampiamente utilizzati, aiutando a raccogliere fondi per il Fondo di risposta solidale COVID nella lotta globale contro la covid-19. «I francobolli sono sopravvissuti a guerre, malattie e disastri naturali» dice Atanasio. «Le lettere sono state disinfettate, ispezionate, censurate e trattenute per molto tempo... ma decenni dopo, la posta resiste». 


La filatelia ha rivelato ciò che i francobolli e le lettere possono insegnarci sul passato e la resilienza che incarnano è un silenzioso promemoria che, qualsiasi cosa accada, ce la faremo. 


____________________


Esplora una vasta gamma di francobolli storici nelle nostre aste settimanali di francobolli. Oppure registrati come venditore.


Scopri altri francobolli | francobolli internazionali


Potrebbero interessarti anche:


La storia della filatelia in tre falsari di francobolli

Come individuare i francobolli falsi

Come determinare il valore dei tuoi francobolli


Crea il tuo account gratuito
Ogni settimana su Catawiki troverai una selezione incredibile di oggetti speciali in offerta. Iscriviti oggi ed esplora le aste settimanali curate dal nostro team di esperti.
Hai un account Catawiki? Accedi
Condividi questo oggetto
Close Created with Sketch.
Non sei ancora registrato?
Creando il tuo account Catawiki gratuito, potrai fare offerte scegliendo tra i nostri 65.000 oggetti speciali all'asta ogni settimana.
Registrati subito