Tendenze

Lo stato del design contemporaneo, raccontato dai designer che lo plasmano

Scritto da Tom | 2 luglio 2021


Il design ha subito una gigantesca evoluzione nel secolo scorso. Ci ha regalato movimenti fondamentali come lo stile moderna di metà secolo e l’Art Deco, mentre continua a ridefinire il suo ruolo nel mondo come qualcosa di puramente funzionale e decorativo. Per ora, il design contemporaneo è il termine usato per descrivere lo stile del presente. È un’etichetta ampia per un movimento che non è facilmente definibile, ma è proprio questa fluidità che lo rende interessante. Abbiamo chiesto a due designer olandesi – Thier & van Daalen e Simone Post – di parlarci del significato del design contemporaneo al giorno d’oggi, del loro lavoro e di cosa ci riserva il futuro per la scena del design




Perché siete stati attratti per la prima volta dal design?


Simone Post: Ho studiato alla Design Academy Eindhoven come product designer. Ma il design è così intrecciato con ciò che sono realmente come persona, che è come se avesse sempre fatto parte di me, prima ancora di iniziare a lavorare come designer. È semplicemente ciò che amo fare e che ho sempre fatto istintivamente. È una sorta di curiosità, mettere in discussione le cose che ti circondano e avere l’impulso di creare qualcosa. Un po’ come la capacità che hanno naturalmente i bambini, ho la sensazione che non sia mai svanita in me. 



Per Simone, il design è sempre stato un riflesso di sé stessa

Thier & van Daalen: Molto del nostro interesse e della nostra voglia di scoprire può essere ricondotto al motto: "Non dare il mondo per scontato". Occupandoci consapevolmente della fonte del nostro design e di ciò che lo circonda, vogliamo dimostrare che il design può avviare una discussione sana sul consumismo e allo stesso tempo essere prodotto in modo responsabile e concepito per durare.



«Vogliamo dimostrare che il design può dare inizio a una discussione sul consumismo» dicono Thier & van Daalen

Gran parte del design contemporaneo ha a che fare con la questione della “sostenibilità” – cioè l’uso attento e consapevole dei materiali. Questo aspetto è importante nel vostro lavoro?


Simone Post: Sarò onesta, non mi piace più molto la parola “sostenibilità”. È una parola spesso usata in senso buono quando in realtà le azioni non sono a fin di bene. Preferisco parlare del mio lavoro come di un tentativo di essere responsabile e su misura. Per me il punto di partenza è sempre questa responsabilità, non c’è davvero altro modo per iniziare. Spesso comincio con un materiale che altrimenti sarebbe stato buttato via e quindi sento un certo tipo di responsabilità. È un materiale in cui vedo ancora molto potenziale e questa è solo una sensazione intuitiva. Preferisco lavorare con materiali che vengono scartati su larga scala. In questo senso voglio mostrare dove ci sono lacune e potenzialità non sfruttate nei sistemi. 



Nei disegni di Simone, il punto di partenza è sempre un materiale di scarto – il primo passo per progettare in maniera responsabile

Thier & van Daalen: Crediamo che, come designer, sia nostra responsabilità occuparci di un mondo e di un futuro migliori. Oltre al fatto che il design deve essere prima di tutto estetico e funzionale, è anche importante che abbia un valore aggiunto e non causi troppi danni all’ambiente. Lo si può fare producendo localmente, scegliendo consapevolmente un materiale (di scarto) e una tecnica di produzione, ecc.


Cosa cercate di comunicare nel vostro design?

 


Simone Post:
Più imparo cose nuove sui prodotti, sulla produzione e sulle industrie, più sorgono domande e preoccupazioni. Nei miei progetti, che siano pezzi unici o serie, cerco di mettere in discussione il rapporto che abbiamo con gli oggetti e la natura che ci circonda. Nelle mie creazioni cerco di sollevare domande, di far riflettere l’osservatore su questo rapporto, ma cerco anche di dare suggerimenti e idee su altri modi in cui possiamo affrontare il fare, la produzione, il lavoro, lo spreco e il riutilizzo. 



«Cerco di mettere in discussione il rapporto che abbiamo con i prodotti e la natura che ci circonda» dice Simone

Thier & van Daalen: Uno degli obiettivi più importanti dei progetti a cui abbiamo lavorato, come “The Plastic Mine”, è quello di mostrare che continuano ad esserci molti sprechi e sovrapproduzioni nella realizzazione di prodotti nuovi. Poiché viviamo in un’epoca di consumo di massa, con una breve durata degli oggetti, i consumatori sono abituati a comprare prodotti sempre nuovi. I consumatori, però, sono anche sempre più consapevoli dell’impatto sull’ambiente del modo attuale di produrre e consumare, perciò adottano un atteggiamento critico, per poter fare insieme la differenza.



La missione di Thier & van Daalen è mostrare il valore e la durata anche dei prodotti più improbabili e dimenticati

Cosa vi piace del processo di progettazione nel qui-e-ora?

 

Simone Post: Amo il processo di fabbricazione e non vedo la necessità di mettere in commercio migliaia di nuove sedie o qualsiasi tipo di oggetto a meno che non ci sia davvero una buona motivazione. Preferisco sperimentare, provare le cose e mettermi in discussione in quello che sto facendo. Una giornata nel mio studio comporta un sacco di lavoro. Tagliare tessuti di scarto e farne oggetti nuovi, risistemare vecchi mobili. Fare prove con nuovi materiali, disegnare, ecc. 



Simone al lavoro nel suo studio


Thier & van Daalen:
Lavorare con le “forze della natura” è una sfida che lo studio ama affrontare. Impastando, torcendo ed espandendo diverse forze, si tratta di guidare le forme in nuove figure e prodotti. Il nostro “Plastic Mine” è un buon esempio di questo processo. Siamo stati affascinati dalle forme uniche e dai bellissimi colori brillanti dei grumi trascurati, trovati in una fabbrica di lavorazione della plastica. Abbiamo selezionato le forme e i colori più sorprendenti, allo stesso tempo osservando con lo sguardo di uno scultore cosa avremmo potuto ricavarne. Si tratta di riuscire a vedere l’inaspettato, di chiedersi cosa si può creare dal presunto nulla.


The Plastic Mine – scaffali colorati di Thier & van Daalen


Vogliamo anche ridurre al minimo ogni possibile effetto negativo per l’ambiente quando creiamo. In questo caso, mettiamo meno energia possibile nei grumi, quando li trasformiamo in nuovi prodotti. È sempre un esperimento. Questi grumi, abbiamo scoperto, possono essere trasformati in scaffali, portacandele, specchi, fermalibri e tavolini unici. 


Che tipo di progetti e approcci considerate il futuro del design?


Simone Post: Vedo le piccole produzioni tornare ad avere sempre più valore, come controparte dell’industria di massa a basso costo. Penso che nei piccoli atelier sia molto importante dare risposte a queste grandi domande. In questo modo si può mostrare la strada ed essere un esempio per un futuro nuovo. Spero che questo insegnerà a sempre più persone il vero costo della produzione in termini di lavoro, inquinamento, trasporto, materiali e rifiuti. E le persone faranno più attenzione ai loro oggetti. 



Il futuro del design è il riciclo, secondo Thier & van Daalen

Thier & van Daalen: Progetti incentrati sul riciclo. L’idea che si possano creare oggetti che durano, anche dagli scarti che il consumo di massa crea. Pezzi che sensibilizzano il consumatore e l’industria produttrice. E che gli scarti possono essere belli, se trattati bene.

____________________

Esplora le nostre aste di design, che ospitano un’ampia varietà di oggetti dal XXI secolo. Oppure registrati come venditore. 


Scopri altro design e vintage


Potrebbero interessarti anche:


Tendenze di successo dal mondo del design contemporaneo

Storia del design del XX secolo nelle decorazioni iconiche


La ragazza dai 1000 volti: la storia di Fornasetti


Crea il tuo account gratuito
Ogni settimana su Catawiki troverai una selezione incredibile di oggetti speciali in offerta. Iscriviti oggi ed esplora le aste settimanali curate dal nostro team di esperti.
Hai un account Catawiki? Accedi
Condividi questo oggetto
Close Created with Sketch.
Non sei ancora registrato?
Creando il tuo account Catawiki gratuito, potrai fare offerte scegliendo tra i nostri 65.000 oggetti speciali all'asta ogni settimana.
Registrati subito