N. 85053963

Venduto
Omero / Simone Lemnio - Odysseae Homeri libri XXIIII - 1581
Offerta finale
€ 300
3 settimane fa

Omero / Simone Lemnio - Odysseae Homeri libri XXIIII - 1581

Odysseae Homeri libri XXIIII nuper a Simone Lemnio Martinum Iuvenem Parigi 1581. Simone Lemnio tradusse l' Odissea in un'epoca in cui quest'epopea era già molto conosciuta negli ambienti eruditi, soprattutto nei paesi di lingua tedesca grazie a Reuchlin e Melantone. Le prime edizioni del testo greco in Occidente, realizzate prima nel 1488 da Démetrios Chalcondyles a Firenze, poi nel 1508 da Aldo Manuzio a Venezia, furono presto integrate da traduzioni in prosa latina, come nel 1523 a Colonia da Raffaello Maffei da Volterra, a cui Simone Lemnio si ispirò ampiamente. Non conosciamo l’anno preciso in cui Lemnio lavorò alla sua redazione dell’Odissea, ma sicuramente fu terminata entro il 1549 (data della prima edizione stampata a Basilea per Oporino). L’opera di Lemnio non si limita però a riproporre un’ennesima traduzione dell’Odissea, ma arricchisce il testo omerico, infatti la traduzione di Lemnio risulta più lunga del testo greco cosa che non si può attribuire solo alla differenza linguistica. Lemnio spesso utilizza parti di versi latini classici tratti dall’Eneide di Virgilio, dalla Tebaide di Stazio o dalle opere di Ovidio. Nella sua traduzione Lemnio dimostra una conoscenza impressionante della poesia latina e si sforza di rendere il significato dell'originale. In ottavo 40 nn, 700. Copertina in tutta pelle settecentesca non sempre integra soprattutto sul piatto posteriore, tagli colorati in blu, antiche note di possesso; antica e lieve gora d’acqua al margine inferiore esterno da pag. 97 a pag. 116 che tuttavia non lede la leggibilità del testo; carta ancora fresca e frusciante, ultime due pagine rinforzate nel bordo interno. Bella edizione tascabile dell’odissea di Omero con la traduzione di Simone Lemnio non facilissima da reperire. Simone Lemnio (Simon Margadant e quindi chiamato Emporicus o anche Mercatorius , Mercator) Guad Val Müstair (canton Grigioni) 1511 - Coira 24 novembre 1550 è considerato una delle personalità più importanti per l’umanesimo tedesco. Fu allievo di Melantone, nel 1538 pubblicò il suo primo volume di poesie, Epigrammaton libri duo (corredato da un terzo libro l’anno successivo) , che dedicò ad Alberto di Brandeburgo , arcivescovo principe e grande elettore di Magonza e uno degli oppositori più popolari di Martin Lutero. Scontratosi con Lutero (il quale scriverà un’opera contro Lemnio stesso) dovette lasciare, a causa delle proteste di Lutero, l'Università di Wittenberg; inoltre fu predisposta la cessazione della stampa del suo libro e le copie ancora invendute vennero confiscate. Nel 1542 si recò a Bologna, dove ricevette la corona di poeta. Nel 1544 tornò a lavorare a Coira, dove morì di peste nel 1550.

N. 85053963

Venduto
Omero / Simone Lemnio - Odysseae Homeri libri XXIIII - 1581

Omero / Simone Lemnio - Odysseae Homeri libri XXIIII - 1581

Odysseae Homeri libri XXIIII nuper a Simone Lemnio Martinum Iuvenem Parigi 1581. Simone Lemnio tradusse l' Odissea in un'epoca in cui quest'epopea era già molto conosciuta negli ambienti eruditi, soprattutto nei paesi di lingua tedesca grazie a Reuchlin e Melantone. Le prime edizioni del testo greco in Occidente, realizzate prima nel 1488 da Démetrios Chalcondyles a Firenze, poi nel 1508 da Aldo Manuzio a Venezia, furono presto integrate da traduzioni in prosa latina, come nel 1523 a Colonia da Raffaello Maffei da Volterra, a cui Simone Lemnio si ispirò ampiamente. Non conosciamo l’anno preciso in cui Lemnio lavorò alla sua redazione dell’Odissea, ma sicuramente fu terminata entro il 1549 (data della prima edizione stampata a Basilea per Oporino). L’opera di Lemnio non si limita però a riproporre un’ennesima traduzione dell’Odissea, ma arricchisce il testo omerico, infatti la traduzione di Lemnio risulta più lunga del testo greco cosa che non si può attribuire solo alla differenza linguistica. Lemnio spesso utilizza parti di versi latini classici tratti dall’Eneide di Virgilio, dalla Tebaide di Stazio o dalle opere di Ovidio. Nella sua traduzione Lemnio dimostra una conoscenza impressionante della poesia latina e si sforza di rendere il significato dell'originale. In ottavo 40 nn, 700. Copertina in tutta pelle settecentesca non sempre integra soprattutto sul piatto posteriore, tagli colorati in blu, antiche note di possesso; antica e lieve gora d’acqua al margine inferiore esterno da pag. 97 a pag. 116 che tuttavia non lede la leggibilità del testo; carta ancora fresca e frusciante, ultime due pagine rinforzate nel bordo interno. Bella edizione tascabile dell’odissea di Omero con la traduzione di Simone Lemnio non facilissima da reperire.

Simone Lemnio (Simon Margadant e quindi chiamato Emporicus o anche Mercatorius , Mercator) Guad Val Müstair (canton Grigioni) 1511 - Coira 24 novembre 1550 è considerato una delle personalità più importanti per l’umanesimo tedesco. Fu allievo di Melantone, nel 1538 pubblicò il suo primo volume di poesie, Epigrammaton libri duo (corredato da un terzo libro l’anno successivo) , che dedicò ad Alberto di Brandeburgo , arcivescovo principe e grande elettore di Magonza e uno degli oppositori più popolari di Martin Lutero. Scontratosi con Lutero (il quale scriverà un’opera contro Lemnio stesso) dovette lasciare, a causa delle proteste di Lutero, l'Università di Wittenberg; inoltre fu predisposta la cessazione della stampa del suo libro e le copie ancora invendute vennero confiscate. Nel 1542 si recò a Bologna, dove ricevette la corona di poeta. Nel 1544 tornò a lavorare a Coira, dove morì di peste nel 1550.

Imposta un’allerta di ricerca
Imposta un’allerta di ricerca per ricevere una notifica quando sono disponibili nuove corrispondenze.

Questo oggetto era presente in

                                        
                                                                                                    
                    
                                        
                                                                                                    
                    
                                        
                                                                                                    
                    

Come fare acquisti su Catawiki

Scopri di più sulla nostra Tutela degli acquirenti

      1. Scopri oggetti speciali

      Esplora migliaia di oggetti speciali selezionati da esperti. Osserva le foto, i dettagli e il valore stimato di ogni oggetto speciale. 

      2. Fai l’offerta più alta

      Trova qualcosa che ti interessa e fai l’offerta migliore. Puoi seguire l’asta fino alla fine o lasciare che il nostro sistema faccia le offerte per te. Non devi fare altro che impostare un’offerta per l’importo massimo che desideri pagare. 

      3. Paga in tutta sicurezza

      Effettua il tuo pagamento e noi lo terremo al sicuro finché il tuo oggetto speciale non sarà arrivato a destinazione sano e salvo. Utilizziamo un sistema di pagamento affidabile per gestire tutte le transazioni. 

Hai qualcosa di simile da vendere?

Possiamo aiutarti a guadagnare di più dai tuoi oggetti speciali, che tu venda professionalmente o sia nuovo nel mondo delle aste online.

Vendi il tuo oggetto